Voglia di cambiare!

LA FRAMMENTAZIONE ESISTENTE TRA LE DIVERSE ASSOCIAZIONI DI MALATI E DISABILI

Richiamo oggi l’attenzione su tale problematica, persuaso che la frattura esistente tra gruppi che dovrebbero muoversi l’uno accanto all’altro, poiché omogenei per richieste ed esigenze di cui si fanno portavoce, leda e diminuisca la loro forza di impatto mediatico e la loro capacità di influenzare le azioni delle Istituzioni.

Io da tempo mi sono assunto l’impegno, qualora se ne fosse presentata la necessità, di farmi arbitro super partes al fine di coordinare ed accorpare tali gruppi.

Decine e decine sono le denunce che giungono, per i farmaci che non ci sono, per i farmaci di cui non è possibile usufruire, per la legge 104 non concessa, e per molto altro ancora.

Il percorso da me intrapreso e portato avanti con coerenza e determinazione, ormai da dieci anni, testimonia come la mia azione non è solo di pochi, ma un’Azione con l’obiettivo di affiancare e dar voce a tutti i cittadini per i quali il principio di “tutela della salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività”, sancito dall’art. 32 della nostra Costituzione, resta un’utopia.

Oggi, sono ancora più persuaso che tale azione risulti urgente e non più differibile.

  1. Nessun commento ancora.

Devi essere collegato per inviare un commento.